INDAGINE MONDIALE SULLA MORTE IN UTERO

Anche noi di inunBattito ci uniamo all’appello di Claudia Ravaldi di CiaoLapo per contribuire alla compilazione di questa importantissima indagine rispetto al tema della morte in utero
Utilizzate uno dei tre link proposti appena sotto.
CiaoLapo, da sempre membro dell’International Stillbirth Alliance, partecipa per l’Italia alla nuova indagine mondiale sulla morte in utero i cui risultati saranno pubblicati su un numero speciale della nota rivista medica The Lancet. Chiediamo la partecipazione numerosa di genitori, familiari, operatori e comuni cittadini per rompere il silenzio su questo problema anche nel nostro paese e per sensibilizzare l’opinione pubblica e la sanità con dati attendibili e significativi sul lutto perinatale. #breakthesilence

INDAGINE PER I GENITORI

Se sei un genitore colpito da morte in utero clicca qui: http://materresearch.checkboxonline.com/stillbirth-multilanguage-parents.survey

INDAGINE PER GLI OPERATORI

Se sei un operatore della salute perinatale clicca qui: http://materresearch.checkboxonline.com/stillbirth-multilanguage-care-providers.survey

INDAGINE PER I MEMBRI DELLA COMUNITÀ

Se sei un parente, familiare, amico o conoscente di un genitore colpito da morte in utero (o semplicemente un membro della comunità sensibile al problema e che vuole esprimere la sua opinione in proposito) clicca qui: http://materresearch.checkboxonline.com/stillbirth-multilanguage-community-members.survey

 

A COSA SERVE QUESTA INDAGINE

La nascita di un bambino morto è un evento devastante per i genitori, le famiglie e lo staff sanitario. L’obiettivo dell’indagine è conoscere più a fondo le pratiche culturali, la conoscenza e le opinioni sulla nascita di un bambino morto da parte dei genitori, degli operatori sanitari e dei membri della comunità a livello internazionale.

Ciò consentirà di individuare quali azioni si possono intraprendere per prevenire la morte endouterina e per migliorare l’assistenza ai genitori e alle famiglie che hanno affrontato questo evento, con le modalità più opportune a seconda dei diversi paesi di appartenenza.

In Italia il lutto perinatale è ancora un tabù, e il corretto approccio medico e psicologico a questo evento non è prassi comune nei nostri punti nascita  e nel nostro territorio nazionale. Abbiamo la possibilità di interrogarci sugli aspetti culturali, psicologici e medici relativi alla morte in utero, e fare la differenza per il nostro paese e per le sei famiglie al giorno che partoriscono un bambino senza più vita. Insieme possiamo molto.

 

CHI LA PROMUOVE

Questo studio è la naturale prosecuzione di quanto realizzato a livello internazionale nel 2011 con The Lancet Stillbirth Series. L’indagine è condotta dalle organizzazioni internazionali membre dell’ISA (International Stillbrith Alliance) per conto di un team di ricerca internazionale, composto da: Vicki Flenady, David Ellwood, Frederik Froen, Jan Jaap Erwich, Alex Heazell, Robert Goldenberg, Yee Khong, Tina Lavender, Aleena Wojcieszek, Fran Boyle, Glenn Gardener, Trish Wilson, Belinda Jennings, Philippa Middleton, Adrian Charles, Hanna Reinebrant, Katy Gold, Fleurisca Korteweg, Beth McLure, Joanne Cacciatore, Susannah Leisher, Lynn Farrales, Claire Storey, Gordon Smith, Dimitrios Siassakos, Jillian Cassidy, Karin Pettersson, Claudia Ravaldi, Alfredo Vannacci, Dell Horey and Ingela Rådestad.

Il centro coordinatore è il Mater Research, Brisbane, Australia (www.reserch.mater.org.au), il principal investigator è Vicki J. Flenady.

Responsabile della ricerca per l’Italia è l’associazione CiaoLapo onlus, sotto il coordinamento di Claudia Ravaldi e Alfredo Vannacci

 

CHI PUÒ PARTECIPARE

  • Indagine per i genitori: qualunque genitore che abbia avuto un bambino nato morto, purché abbia un’età superiore ai 18 anni. Il questionario è pensato per perdite dopo le 20 settimane di gestazione, ma può essere compilato anche in caso di perdite precoci (in questo caso alcune domande non saranno tuttavia completamente pertinenti).
  • Indagine per gli operatori: qualsiasi medico, ostetrica, infermiere, patologo, psicologo, assistente sociale o altro operatore del settore sanitario coinvolto nell’assistenza alle famiglie colpite da morte endouterina fetale.
  • Indagine per i membri della comunità: tutti i membri della comunità, le persone di supporto, i familiari, amici o colleghi di un genitore che ha avuto un bambino nato morto.

 

COME FACCIO A PARTECIPARE?

E’ sufficiente cliccare il link corrispondente alla tua categoria (genitore, operatore, comunità) che trovi più in alto in questa pagina. L’indagine ha una durata variabile dai 10 ai 30 minuti a seconda della categoria. Troverai ulteriori informazioni e tutte le istruzioni necessarie cliccando il link.

 

NB: i genitori di CiaoLapo che hanno avuto bambini nati vivi ma poi morti dopo la nascita, non possono partecipare all’indagine, in quanto questa riguarda specificamente la morte endouterina. Tuttavia, dal momento che hanno vissuto esattamente alla stessa maniera la realtà che circonda la perdita perinatale, possono partecipare benissimo al questionario della comunità come ‘conoscenti o amici’ di persone colpite da morte endouterina. 

 

fonte: http://www.ciaolapo.it/index.php?option=com_k2&view=item&id=394:indagine-mondiale-sulla-morte-in-utero&Itemid=854

Mercatini di natale a Cento (FE)

eccoci! inunBattito è presente ai mercatini di Natale a Cento
informiamo tutti sulle nostre iniziative e proponiamo anche qualche idea regalo: 

la Mattonella dello Chef delle Saline di Cervia, 
il sale aromatizzato, 
la marmellata fatta come una volta, i biglietti di natale fatti dalle mamme e dai bimbi inunBattito! veniteci a trovare, in Piazza del Guercino a Cento.. Sabato 6, Domenica 7 e Lunedi 8 dicembre dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19 il nostro “stand” è inconfondibile!

L’ATTESA INTERROTTA – 3° incontro

Lunedi 17 novembre ore 20.30 presso l’Oratorio di San Biagio a Cento si terrà il terzo incontro degli eventi ” l’Attesa interrotta ”
il tema della serata sarà:”  UN CAMMINO DI ELABORAZIONE ATTRAVERSO LA SPIRITUALITA’ E LA FEDE ”
l’incontro sarà tenuto da: Don FRANCESCO SCIME’

ingresso gratuito – per info: info@inunbattito.it

Nascere oggi a Cento

Martedì 4 Novembre 2014 ore 18. Incontro pubblico nella Sala di Rappresentanza della Cassa di Risparmio di Cento – Piazza del Guercino – Cento.

Ferrara,  31 Ottobre 2014. L’incontro di Martedì 4 Novembre organizzato dall’Ausl Ferrara col patrocinio del Comune di Cento e il sostegno di Fondazione e Cassa di Risparmio spa di Cento,  è rivolto alla popolazione  per informare in modo corretto tutti coloro che fruiscono del Punto Nascita dell’Ospedale SS. Annunziata di Cento e sul reale percorso che le donne hanno a disposizione durante la gravidanza, il travaglio, il parto e la cura della mamma e del neonato sin dai primi attimi.

Quest’importante aspetto della vita della futura madre  e della  coppia è particolarmente delicata e deve essere affrontata con consapevolezza e serenità senza pregiudizi e con informazioni  corrette.

La gravidanza, da alcuni decenni è seguita sin dal concepimento in modo scrupoloso e attento per limitare eventuali  complicanze, grazie all’accreditato modello organizzativo dio ogni punto nascita di cui  a volte non vi è la giusta e corretta  conoscenza  e percezione. Ecco quindi che il senso profondo  dell’incontro aperto a tutta la cittadinanza il prossimo 4 Novembre  mettendo in contatto  e relazione i professionisti impegnati  ai quali sarà possibile chiedere chiarimenti  sulle peculiarità “centesi” del percorso alla nascita  per dare serenità  e superare timori ingiustificati.

Programma.   Moderatori: F. Corazza – Direttore U.O. Ostetricia e Ginecologia Ospedale di Cento

M. Malagodi – Direttore U.O. Anestesia e Rianimazione Ospedale di Cento.

Interventi:

• La Gravidanza – Dott. F. Corazza

• Partorire con parto spontaneo e/o chirurgico – Dott. F. Corazza

• Controllo del dolore – Dott.ssa M. Malagodi

• Metodiche alternative all’analgesia peridurale – CPSE A. Beccati

• Il neonato – Dott. G. Mandrioli

• La ginecologia a Cento – Dott. F. Corazza

• Conclusioni

 

locandina invito

BabyLoss 2014 – photogallery

ecco le foto del nostro primo BabyLoss. Anche a Cento si è aperta una finestra di ascolto consapevole sui temi del lutto prenatale e perinatale.

Grazie a tutte le famiglie che hanno partecipato!

inunBattito.it

 

babyloss2014-15 babyloss2014-14 babyloss2014-13 babyloss2014-11 babyloss2014-9 babyloss2014-8 babyloss2014-7 babyloss2014-6 babyloss2014-5 babyloss2014-4 babyloss2014-3 babyloss2014-2 babyloss2014-1

BabyLoss 2014 a Cento il 15 ottobre

Per iniziativa di CiaoLapo Onlus, i genitori italiani hanno celebrato la prima “Giornata della Consapevolezza sulla Morte Infantile e sulla Perdita in Gravidanza” il 15 Ottobre 2007.
Da allora diversi eventi sono stati organizzati ogni anno per il mese di Ottobre: incontri coi genitori, convegni scientifici, giornate di sensibilizzazione e costante è stata la partecipazione dei genitori italiani all’Onda di Luce intorno al mondo.

L’obiettivo per il futuro è rendere questa iniziativa sempre più diffusa sul territorio italiano, diffondendo il più possibile la consapevolezza ed ottenendone il riconoscimento con una legge dello stato.

Quast’anno l’appena nata Associazione inunBattito di Cento ha scelto di partecipare attivamente organizzando l’evento Babyloss 2014 presso la sala della Fondazione Zanandrea in via Ugo Bassi 49.

programma della serata:

18,45 Registrazione e buffet di accoglienza alla serata con preparazione dell’onda di luce e del ballon–release
19,00 Onda di Luce e Ballon Release
19,30 Presentazione della nuova ASSOCIAZIONE INUNBATTITO fondata da un gruppo di genitori di Cento per sensibilizzare in merito al tema dell’esperienza del lutto pre e perinatale
20,00 Proiezione del docufilm Lamoreverticale di Teresa Paoli in concorso al ViaEmiliaDocFest.
20,30 Dibattito “Ci sono anch’io” viaggio all’interno dell’esperienza individuale, relazionale e familiare del lutto pre e perinatale, relatore Dott. Marco Moretti Psicologo Clinico specialista in Psicosintesi e Costellazioni Familiari.

INGRESSO GRATUITO

in un battito

video Dott. Patrizio Calderoni incontro in un battito del 29 marzo 2014

è online il video dell’incontro del 29 Marzo 2014 con il Dott. Patrizio Calderoni

ASPETTI MEDICI DELLA PERDITA PRENATALE E PERINATALE

guarda il video